Campionato Interregionale Lazio cinture nere

08/12/2016 – Eco di Caserta

CASERTA – Si è svolto il 4 dicembre 2016 il Campionato Interregionale Lazio cadetti a rosse/nere, junior e senior nere presso il Palazzetto dello Sport, Via Mola Di Santa Maria a Fondi (LT), promosso dal comitato regionale FITA Lazio presieduto dal Maestro Marcello Pezzolla, in collaborazione con il delegato provinciale di Latina FITA, Maestro Pasquale Rega.

All’importante appuntamento agonistico ha partecipato la squadra di atleti del Maestro Nicola Fusco di Caserta.

La componente sportiva casertana, la squadra del Taekwondo Caserta, guidata dal Maestro Nicola Fusco, dopo solo una settimana dai Campionati Italiani organizzati per i 50 anni della Federazione Italiana si fa trovare pronta ad un altro importante appuntamento, appunto, il campionato interregionale Lazio cinture nere.

E anche stavolta i bravissimi atleti del Maestro Fusco non si sono fatti pregare: il team casertano si porta a casa infatti un bottino composto da un oro e tre bronzi, che con un po’ di convinzione in più sarebbe potuto essere anche più cospicuo.

Si inizia con i cadetti A (12-14 anni) e con Morgan Milone nella -41kg, che si trova di fronte al primo incontro uno dei favoriti alla vittoria finale. Pur concedendogli un intero round – finito sul punteggio di 0-6 – riesce a recuperare con caparbietà e classe punto per punto fino a concludere sul 6-7 il secondo round.

Non finisce la sua opera sia per un atteggiamento più attento dell’avversario sia per un po’ di sfortuna che fermano il punteggio sul 7-10. Subito dopo tocca a Simone Rossi nella -45kg, anche lui con un sorteggio sfavorevole contro colui che vincerà la categoria.

Purtroppo la differenza di altezza e esperienza si fanno sentire e nulla può la volontà di ben figurare da parte del nostro contro un avversario davvero troppo forte. Sorteggio non fortunato neanche per Martina Heluani nella -47kg femminili: subito la più forte della categoria che però la nostra affronta con piglio audace e senza risparmiarsi.

Va in vantaggio con un bel calcio al viso a termine primo round e mantiene la concentrazione fino a fine incontro aggiudicandosi la vittoria per 5-2. In semifinale incontra una ragazza sicuramente alla sua portata, ma purtroppo manca di sicurezza e nonostante lo svantaggio sia solo di un punto per tutto l’incontro, non riesce mai ad impensierirla, facendosi soffiare il successo. Medaglia di bronzo per lei.

Terminati i cadetti, con la categoria junior si preparano Pasquale Di Micco e Raffaele Laezza,entrambi smaniosi di salire sul tappeto e dare il massimo. Inizia Di Micco nella -68kg, una delle categorie più difficili, che subito dà dimostrazione di determinazione e grande classe, liquidando il suo avversario agli ottavi senza mai concedergli spazio. 9-0 il risultato finale e pronto per i quarti dove incontra un atleta campano che viene superato in due round col punteggio di 12-0.

Lo scoglio maggiore arriva in semifinale con un atleta classificatosi terzo agli ultimi campionati italiani. Un atleta impostato bene in difesa e molto bravo di rimessa che aveva già vinto abbondantemente contro il suo primo avversario senza lasciargli punti. L’atleta di Caserta, però, con grande tenacia riesce ad entrare nella sua guardia concedendogli solo 2 punti e mettendone a segno 11 con larga varietà di tecniche e tanta imprevedibilità.

La finale contro un atleta altissimo e magrissimo non è differente: gli oltre dieci centimetri di divario non influiscono sul risultato che si fissa sul 9-1 dando a Pasquale l’agognato titolo di campione dopo due anni di duro lavoro e di prestazioni sempre in crescendo. L’altro atleta junior,Raffaele Laezza, torna sui campi di gara dopo 8 mesi di assenza per varie vicissitudini personali, e, non rientrato in categoria per soli 400 grammi, deve salire nella -48kg dove incontra subito colui che avrebbe poi vinto la batteria. La partenza è un po’ contratta e gli fa regalare punti su punti all’avversario. Poi il velocissimo atleta della squadra casertana ha un sussulto e con fantastiche piroette e tecniche acrobatiche riesce a recuperare lo svantaggio, ma è troppo tardi. L’incontro si chiude con la sconfitta, ma con una prestazione di grande spessore e una medaglia di bronzo importante per il morale.

Chiusa la categoria junior si passa ai senior con un altro ritorno illustre: Luigi Parla, fuori dai campi di gara per infortunio e motivi scolastici da 18 mesi deve salire nella -68kg per soli 300 grammi in più. Come al solito per la nostra squadra il sorteggio non è di quelli fortunati, poiché il casertano si trova subito contro il più forte della categoria. Parla non si fa intimidire e subito inizia a dominare l’incontro bersagliando di calci l’avversario. Nonostante il vantaggio di 7 punti la freschezza atletica e il maggiore allenamento dell’altro sono determinanti rispetto alla preparazione del nostro, tornato in palestra da soli due mesi e pian piano il distacco viene compensato. Qualche errore arbitrale che si aggiunge al resto gli fa perdere l’incontro per 10-11, ma le possibilità di miglioramento sono evidenti. Infine nella -67kg Roberta Desiderio, fresca del bronzo nazionale della settimana precedente nella +67kg, decide di provare a scendere di categoria. Forse la dieta troppo repentina o la mancanza di concentrazione a pochi giorni dalla conquista di un risultato così importante, le impediscono di disputare un incontro alla sua altezza. Si arrende in semifinale contro l’atleta che vincerà la categoria, anche lei bronzo agli italiani appena passati nella -67kg. È il bronzo che conclude una giornata, pur non straordinaria sotto il profilo dei risultati (la squadra casertana ci ha abituati a pioggia di coppe e medaglie), molto interessante per l’impegno e le capacità che questi giovani atleti hanno dimostrato di possedere.

Terminano così le competizioni di questo 2016 che ha regalato al team casertano, che si allena ormai da quasi due anni presso la Palestra UniCa all’interno dello Stadio del Nuoto, tanti trofei nazionali e internazionali. Ora spazio agli esami di graduazione, alle premiazioni e alle festività che permetteranno a tutti di ricaricare le batterie per affrontare il 2017 nella migliore forma possibile.