Campionato interregionale forme Lazio e Campionato interregionale cinture nere Campania

27/11/2014 La Gazzetta di Caserta

Sarà che Fondi porta bene, sarà forse che i risultati non sono mai mancati per il Taekwondo Caserta, sarà anche che ormai ad ogni gara medaglie e qualche coppa la squadra di Taekwondo del maestro Fusco le porta sempre a casa, ma addirittura dividersi in due per partecipare contemporaneamente a due competizioni diverse – Fondi appunto per le forme e Napoli per i combattimenti – riuscendo a fare risultato in entrambe le gare è testimonianza della grande versatilità e preparazione dei ragazzi del centro sportivo Easyfitness. I numeri parlano chiaro: 9 medaglie d’oro, 7 d’argento e 6 di bronzo per la gara di forme che hanno portato la squadra casertana sul podio nella classifica per società al secondo posto nelle categorie fino a 12 anni e al quarto per le categorie oltre i 13 anni e 1 oro e 2 bronzi per i combattimenti. Risultati nelle forme che potevano anche essere migliori se qualcuno non si fosse fatto prendere dall’emozione e, nonostante fosse stato in vantaggio nei precedenti turni, si è fatto superare in finale per mancanza di concentrazione, perdendo così un oro già praticamente conquistato. Le medaglie d’oro venivano dai piccoli Laura Guida, finalmente prima, Leonardo Marra della sede di Camigliano davvero di un altro livello rispetto ai suoi avversari, Alida Costa che si dimostra vincente non solo nei combattimenti, e Morgan Milone seppur fermo da una settimana per motivi di salute, si aggiudica l’oro con una grinta e una voglia fuori dal comune. I più grandi che conquistavano il gradino alto del podio sono stati Francesco Barattiero  tornato finalmente al successo, Loredana Castello vincente nettamente sulle sue avversarie, Marco D’Aniello, finalmente ripagato del lavoro in palestra, Roberta Desiderio, nonostante l’infortunio alla caviglia che la tiene bloccata da diverse settimane e Luca Di Martino che ha vinto la sua batteria nonostante avesse contro due atleti di una forte squadra romana oltre al suo compagno di squadra Riccardo Zimmermann che ha ottenuto invece la terza piazza. Al secondo posto si classificano invece Luca Rossi di soli 5 anni, che superando le semifinali con un punteggio altissimo e largamente in vantaggio sugli altri, in finale sbaglia un passaggio e perde per soli 3 centesimi l’oro; e Gianluigi Guida, fratello di Laura, che pur prediligendo il combattimento, sfodera una prestazione grintosa e riesce a conquistare l’argento. Tra i più grandi la seconda posizione va a Nicola Dresia, con una esecuzione veramente bella e pulita e probabilmente male giudicata, poiché meritava sicuramente di più, a Martina Heluani a cui l’emozione gioca un brutto tiro, terminando la sua prova con un’incertezza che le pregiudica l’oro, Ada Sow, che per un centesimo deve accontentarsi della piazza d’onore, Erica Saccone, battuta solo dalla sua compagna Roberta, e Giuseppe Zampella che per tante piccole imperfezioni si è fatto soffiare l’oro da un avversario non irresistibile. Infine al terzo gradino del podio si classificano i piccoli Gianluca Semeraro, che disputa una semifinale migliore della finale perdendo l’occasione di salire più in alto, Michele Esposito Junior emozionato come non mai contro degli avversari sicuramente meno bravi, e Denise D’Addio che si perde in finale, dopo una buona semifinale regalando vittoria e argento a due atlete più concentrate ma sicuramente meno tecniche. I bronzi tra i più grandi sono andati a Mirko Dresia, anche lui buttando al vento una finale già vinta per una dimenticanza, Lucia Martina Mauriello classificatasi seconda a pari merito, ma scesa al terzo posto per gli “scarti” e Riccardo Zimmermann di cui si è già detto. Nel frattempo a Napoli si disputava il campionato interregionale di combattimento per cinture nere dove la componente rosa della squadra casertana conquistava l’oro nei senior e due medaglie di bronzo juniores con Oriana Izzo, tornata a combattere dopo quasi un anno per motivi di salute, e purtroppo troppo intimorita nella semifinale da una pur brava avversaria e con Beatrice Sellitto, poco incisiva e a volte disattenta per via di qualche calcio subito di troppo, che non le consentiva di disputare la finale. Il capolavoro veniva da Ester Sole, che a quasi 33 anni ha ancora voglia di mettersi in gioco e divertirsi. Salita di ben 2 categorie per mancanza di avversarie, la nostra si trovava al cospetto di atlete di quasi 15 anni più giovani, che soprattutto in semifinale, la mettevano in seria difficoltà. Ester infatti si trovava a dover recuperare uno svantaggio di 1-8 contro l’atleta salernitana già incontrata due volte. E come la formica che accumula il cibo per l’inverno, Ester punto dopo punto riesce a pareggiare e al golden point riesce quasi  immediatamente a mettere a segno il punto della vittoria. Ben altra storia è la finale, in cui Ester è sempre in vantaggio sin dai primi momenti dell’incontro e non si fa più raggiungere, finendo il match sul 14-9. Un applauso va anche a chi pur non conquistando medaglia ha gareggiato portando sempre alti i colori del Taekwondo Caserta partecipando e gioendo ai successi dei compagni e dimostrando più che mai l’affetto, la solidarietà e lo spirito di squadra che permea tutti i componenti del Team del Maestro Fusco.